Il tuo browser non supporta JavaScript!

Teatro

Romeo e Giulietta. Testo inglese a fronte

di William Shakespeare

editore: Garzanti Libri

pagine: 300

Con un colpo di mano prodigioso Shakespeare ha tratto da un exemplum moraleggiante della tradizione novellistica popolare la tragedia giovanile per eccellenza. Nel linguaggio della cultura popolare Romeo e Giulietta sono i sentimenti uccisi dai compromessi sociali, sono il rimpianto per la purezza che il diventare adulti ci ha fatto dimenticare, sono l'amore che nessuno è riuscito a vivere. Essi incarnano un mito, quello della tragedia del dolore innocente, con tutte le implicazioni ideologiche che comporta. E incarnano e continueranno a incarnare il mito dell'unione di Amore e Morte. Introduzione di Nemi D'Agostino.
8,00

Amleto.Testo inglese a fronte

di William Shakespeare

editore: Garzanti Libri

pagine: 335

Poche opere al mondo hanno interessato e continuano a interessare pubblico e studiosi come l'Amleto
8,50

Otello. Note di regia. L'ultimo copione

di Stanislavskij Konstantin S.

editore: Audino

pagine: 174

Konstantin Stanislavskij già nel 1896, prima di fondare il Teatro d'Arte di Mosca, è stato interprete, come Otello, della trag
20,00

Macbeth

di William Shakespeare

editore: Einaudi

pagine: 96

Il quarto centenario della morte di Shakespeare è l'occasione per nuove messe in scena, per racconti e romanzi ispirati alle sue opere (Nesbø e altri), per nuove trasposizioni cinematografiche (proprio Macbeth con Michael Fassbender). E anche per nuove traduzioni. D'altra parte, se tutti i grandi classici necessitano periodicamente di nuove traduzioni, tanto più è vero per I'autore più studiato al mondo. Nel corso degli anni una continua messe di studi critici e filologici ha via via precisato o anche cambiato radicalmente i significati di molti passaggi delle opere di Shakespeare, quando non ne abbia addirittura cambiato il testo. Paolo Bertinetti assomma in sé le caratteristiche del grande esperto di questioni shakespeariane con quelle del traduttore sensibile al linguaggio teatrale. Questa di Macbeth si propone come la traduzione più precisa e aggiornata, ma ugualmente efficace nella pronuncia, senza cedere punti sul terreno del fascino letterario di un capolavoro che ha saputo rappresentare in modo così memorabile l'incubo e il buio dell'inconscio.
11,00

Manuale di teatro creativo. 200 tecniche drammatiche da utilizzare in terapia, educazione e teatro sociale

di Salvo Pitruzzella

editore: Franco Angeli

pagine: 232

Il termine "teatro creativo" si riferisce ad una qualità del processo drammatico che può essere presente in ogni forma teatral
27,00

Venezia salva

di Simone Weil

editore: Castelvecchi

pagine: 154

"Venezia salva" esprime, in poesia, la condanna del primato della forza nella società di ogni tempo
17,50
Il prodotto non è al momento disponibile

Storia del teatro giapponese. Dall'Ottocento al Duemila

di Bonaventura Ruperti

editore: Marsilio

pagine: 190

Dai generi di spettacolo della tradizione (gagaku, no, kyogen, teatro dei burattini bunraku, kabuki) all'introduzione del dram
12,50

Artemisia

di Carlo Goldoni

editore: Marsilio

pagine: 226

All'interno dell'ambizioso progetto delle Nove Muse "Artemisia" segna nell'autunno del 1759 al teatro San Luca - il ritorno di
17,00

Testi (1954-1998)

di Jerzy Grotowski

editore: La Casa Usher

pagine: 269

L'edizione italiana degli scritti di Jerzy Grotowski, "Testi 1954-1998", la prima a vedere la luce dopo l'edizione polacca del 2013, si articola in quattro volumi che comprendono interventi, articoli, saggi, incontri pubblici, conferenze, conversazioni e interviste: la biografia creativa e intellettuale di uno dei grandi maestri eretici e riformatori del teatro del Novecento attraverso le sue parole. I sottotitoli dei quattro volumi fanno riferimento alle tappe essenziali del percorso creativo di Grotowski e sono nell'ordine: La possibilità del teatro, Il teatro povero, Oltre il teatro, L'arte come veicolo. Il terzo volume raccoglie interventi, documenti e interviste risalenti al periodo tra il 1970 e il 1984, in cui si sviluppò l'intensa fase post-teatrale dell'attività di Grotowski. Tale attività si articolava inizialmente nel campo della "cultura attiva" - comunemente nota come parateatro o "teatro della partecipazione", secondo la definizione che ne diede lo stesso Grotowski negli anni Novanta - e poi nell'ambito del Teatro delle Fonti. Fra i documenti qui raccolti, si segnalano in particolare Holiday e Teatro delle Fonti - due scritti che hanno il carattere di "manifesto" rispetto alla complessa fase post-teatrale di Jerzy Grotowski.
22,00

Uomo e superuomo. Commedia e filosofia

di Shaw G. Bernard

editore: Ghibli

pagine: 356

Andata in scena per la prima volta il 23 maggio 1905 al Royal Court Theatre di Londra, "Uomo e superuomo" è senza dubbio una d
20,00

Morte di Danton

di Büchner Georg

editore: Einaudi

pagine: 94

Sotto l'apparenza del dramma storico 'Morte di Danton' nasconde i nervi scoperti della condizione umana, cosí come sarà rivela
10,50

Il teatro. Vol. 1: Calderón-Affabulazione-Pilade

Calderón-Affabulazione-Pilade

di Pasolini Pier Paolo

editore: Garzanti Libri

pagine: 397

Questo primo volume di scritti teatrali raccoglie tre delle sei tragedie scritte e più volte rielaborate da Pier Paolo Pasolin
16,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.