Il tuo browser non supporta JavaScript!

Psicologia

Terapie espressive e disabilità. Percorsi terapeutici ed educativi per la grave disabilità intellettiva

editore: Edizioni del Cerro

pagine: 172

"Terapie espressive e disabilità. Percorsi terapeutici ed educativi per la grave disabilita intellettiva" è una ricerca sistematica con obiettivi di formazione che esplora un nuovo campo d'applicazione delle terapie espressive verso il settore della grave disabilita intellettiva. Il perno della ricerca riguarda i metodi di osservazione e la stimolazione delle potenzialità comunicative presenti nelle persone disabili in condizione di elevata fragilità frequentanti i Centri Diurni Disabili. Attraverso l'osservazione sistematica sono state condotte indagini con sedute separate di musicoterapia e di arteterapia in modo da valutare i cambiamenti comunicazionali sia all'interno di esse, ma soprattutto se riflessi nella vita quotidiana estrapolandone le modificazioni significative in termini di comportamento, aspetti relazionali e adattamento alle situazioni. Questo studio riteniamo sia uno strumento utile per gli specialisti che si occupano di terapie espressive, ma soprattutto per gli educatori, i genitori e i volontari che possono trovare spunti di operatività e riflessione per accostarsi più proficuamente a persone che apparentemente sembrano non possedere elevati canali di comunicazione. Le conclusioni rappresentano una ulteriore opportunità per avvicinarsi in modo più appropriato al mondo della grave disabilità e avere indicazioni sulla funzionalità delle terapie espressive affinché dal setting si possa transitare alla vita di tutti i giorni.
17,50

Studi sull'ombra

editore: Cortina raffaello

pagine: 166

Immagine oscura proiettata da un corpo opaco quando sia esposto alla luce, luogo delle tenebre, area in cui non è possibile gettare lo sguardo (le congiure si tramano nell'ombra): sono esempi dei molti significati cui si presta la metafora dell'ombra. La psicologia di Jung ha fatto dell'ombra una delle principali figure che abitano il nostro spazio interiore. In quella oscurità si nasconde ciò che non coincide con i valori cui la coscienza aderisce: ciò che è svalutato, negato, rimosso, o anche solo potenziale, non sviluppato. Non è possibile comprendere il pensiero junghiano senza affrontare il nodo centrale delle relazioni tra l'io e l'ombra e dunque il rapporto tra esistenza e negatività e tra esistenza e disvalore. In questa edizione arricchita di nuovi contributi, gli autori descrivono le problematiche connesse al concetto di ombra e ne illustrano le manifestazioni attraverso un vasto materiale clinico ed esempi letterari tratti da opere di Beckett, Brecht, Conrad, Hoffmann, Melville.
16,00

Uccidersi. Il tentativo di suicidio in adolescenza

editore: Cortina raffaello

pagine: 350

Perché un adolescente può desiderare la morte? Gli autori indagano il rapporto tra suicidio e narcisismo nei "nuovi" adolescenti, insieme fragili e spavaldi, a partire da riflessioni che coinvolgono importanti mutamenti culturali dalle conseguenze ancora imprevedibili. Il testo si articola in due parti. Nella prima, la questione del desiderio di morte nei giovani viene affrontata nel contesto delle teorie psicoanalitiche evolutive: si individuano i fattori che facilitano l'ideazione suicidaria e si descrivono le dinamiche delle fantasie autodistruttive (fragilità narcisistica, mancata mentalizzazione del corpo, percezione di un ostacolo insormontabile, vendetta). Nella seconda parte si evidenzia come il modello di intervento proposto sia basato sul coinvolgimento, nella presa in carico, del contesto di vita degli adolescenti, in particolare del padre e della madre. Si analizzano le peculiarità del dialogo con chi ha deciso di darsi la morte e le questioni riguardanti il trattamento di preadolescenti o di adolescenti problematici; infine, si affronta il delicato tema dei colloqui con i parenti dei giovani suicidi. Un testo di grandissima utilità per i genitori, gli insegnanti, gli educatori e tutti i professionisti della salute mentale che si occupano di adolescenti.
24,00

Valutare. Didattica per operazioni mentali

editore: Erickson

pagine: 180

19,50

Donne spezzate. La violenza tra le mura domestiche

di Milena Milone

editore: Curcio

pagine: 191

Poiché la violenza sulle donne è un problema di tutti i popoli, poiché assume forme varie e terribili ed è nell'ambiente familiare che si esplica nel modo più atroce e traumatico, è indispensabile aprire la cortina di silenzio che colpevolmente la occulta e finalmente affrontare la questione a viso aperto. Partendo dalla propria esperienza di consulente matrimoniale, avvalendosi di innumerevoli esempi tratti dai casi che ha seguito e basandosi su studi decennali intorno alle problematiche femminili, Milena Milone spiega come si manifesta la violenza contro le donne, da quali assunti e condizionamenti culturali muove, quali sono le sue conseguenze e in che modo le donne stesse possono diventare compiici del loro carnefice. È un tema difficile affrontato con sapiente delicatezza, forza e realismo, senza mai nascondere la verità né perdere la fiducia nella possibilità che gli uomini e le donne migliorino.
12,90

Le visioni di uno psicoanalista. La poltrona dietro lo schermo

di Giuseppe Riefolo

editore: ANTIGONE

pagine: 220

Le "visioni" di Giuseppe Riefolo sono testi narrativi stimolati dalla visione di film: "associazioni libere" o visioni nel senso di Artemidoro, dove ogni film, come un sogno raccontato, porta l'immaginazione dello spettatore-analista verso la storia di un paziente e la sua relazione con lui. Uscito dal cinema, "tornato alla vita e alla stanza di analisi - dice l'autore - continuo a pensare a quelle immagini e alle emozioni che ne coglievo come quando si ricorda una buona giornata o un bel viaggio fatto nei giorni precedenti, o un buon incontro. Immagini che ci aiutano a introdurre nuovi personaggi e a dare un nuovo ordine alle situazioni concrete della vita e del nostro lavoro che ci saturano continuamente".
18,00

La terapia come ipertesto

editore: ANTIGONE

pagine: 310

26,00

Predatori. Chi sono, come agiscono e quali sono gli strumenti per proteggere noi e i nostri figli

di Anna C. Salter

editore: Elliot

pagine: 350

Anna Salter, psicologa di fama internazionale, ha studiato per oltre vent'anni carnefici e vittime di violenze sessuali, e in questo libro si serve della sua competenza per demolire i falsi miti che circondano i "predatori", mostrando al lettore come pensano, come ingannano e come eludono la legge. I crimini sessuali sono molto più comuni di quanto si ritenga: recenti statistiche dimostrano che una ragazza su quattro e un ragazzo su sei hanno avuto almeno un contatto sessuale con un adulto. Più allarmante ancora è il fatto che meno del cinque per cento dei colpevoli venga catturato. Ma perché gli abusi sessuali sono così diffusi e come riescono i responsabili a cancellare le loro tracce? Dopo innumerevoli interviste ai criminali, Anna Salter ha compreso che è la nostra errata percezione a renderci così vulnerabili e che chiunque può essere ingannato, tanto che, a volte, neanche gli esperti possono considerarsi al sicuro. Contrariamente a quanto siamo portati a credere, stupro e molestia sono raramente crimini impulsivi. I predatori agiscono con premeditazione, servendosi di sofisticate strategie per conquistare la fiducia e nascondendo i loro veri obiettivi dietro un rispettabile ruolo di copertura. Scritto con uno stile chiaro e fortemente narrativo, il libro non ha lo scopo di offrire risposte rassicuranti, ma quello di rendere più difficile ai predatori l'accesso alle nostre famiglie.
22,00

Valutazione e motivazione delle risorse umane nelle organizzazioni

editore: Franco Angeli

pagine: 528

A dieci anni di distanza dalla prima edizione, Laura Borgogni ripropone questo volume in una versione aggiornata, affrontando
43,00

Oltre a sorvegliare e punire

Esperienze e riflessioni di operatori su trattamento e cura in carcere

 

editore: Giuffrè

40,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.