Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lettere e Filosofia

L'arte del non governo. L'inarrestabile declino della Repubblica italiana

di Craveri Piero

editore: Marsilio

pagine: 582

Questo libro è una storia dell'Italia repubblicana in cui si ricostruiscono sincronicamente gli aspetti istituzionali, politic
25,00

La Repubblica degli italiani. 1946-2016

di Agostino Giovagnoli

editore: Laterza

pagine: 386

Immigrazione, guerre, terrorismo e crisi dell'Europa sembrano oggi problemi insormontabili
24,00

Leggere l'«Orlando furioso». Guide alle grandi opere

di Sergio Zatti

editore: Il Mulino

pagine: 195

Un vademecum per leggere i capolavori della letteratura italiana, quei classici che non si smette mai di riscoprire: la storia del testo, la vicenda dell'opera, i temi dominanti, lo stile, la fortuna.
16,00

Manuale di storia medioevale

di Andrea Zorzi

editore: UTET Università

pagine: 432

33,00

La Divina Commedia. Paradiso

di Dante Alighieri

editore: Mondadori

pagine: 1176

14,00

La Divina Commedia. Inferno

di Dante Alighieri

editore: Mondadori

pagine: 1238

Iniziato con ogni probabilità nel 1306-07, l'Inferno è la prima delle tre cantiche che compongono la Commedia dantesca
15,00

La Divina Commedia. Purgatorio

di Dante Alighieri

editore: Mondadori

pagine: 1204

14,00

L'arte racconta il diritto e la storia di Roma

di Lauretta Maganzani

editore: Pacini Editore

pagine: 423

La storia giuridica di Roma antica e la storia dell'arte, dal Medioevo ai nostri giorni, vengono narrate specularmente in una
33,00

Italia medievale. Struttura e geografia delle fonti scritte

di Paolo Cammarosano

editore: Carocci

pagine: 389

È illustrata in questo libro l'articolazione complessiva dei testi scritti prodotti nell'Italia medievale, in funzione dei diversi ambiti regionali, istituzionali e sociali presso i quali furono composti e tramandati. Attraverso le modalità di produzione e tradizione delle fonti vengono ripercorse fasi decisive della storia civile e culturale d'Italia, quali l'egemonia culturale delle élites ecclesiastiche e monastiche sino a tutto il secolo XI, la riorganizzazione politica innescata dal XII secolo, la dicotomia fra il Regno di Sicilia e le esperienze politiche del Nord e del Centro, la preminenza culturale della città, l'affermazione del centralismo romano nell'evoluzione della società ecclesiastica, le nuove attitudini culturali di nobili e mercanti nel tardo medioevo. È dunque al tempo stesso un libro di storia e uno strumento di lavoro, destinato agli studenti universitari e ai cultori di storia del medioevo italiano: e in modo particolare a quanti si occupano di luoghi e spazi determinati (città, castelli, territori) e a quanti sono interessati alla ricognizione e alla gestione di quel fondamentale patrimonio culturale che è rappresentato dalla documentazione d'archivio.
15,00

Le forme del libro. Dalla tavoletta cerata all'e-book

di Marco Cursi

editore: Il Mulino

pagine: 285

Il volume ripercorre la storia delle principali forme librarie dall'antichità romana fino a oggi attraverso le innovazioni che si sono succedute nei supporti (legno, papiro, membrana, carta), nelle tipologie (tabula, rotolo, codice, libro a stampa), nelle figure professionali impegnate nella produzione (copista, miniatore, compositore, tipografo), nelle pratiche di elaborazione, ricezione e circolazione del testo presso il pubblico dei lettori. La rivoluzione digitale e l'avvento dell'e-book hanno scisso il binomio finora indivisibile tra il piano del testo e quello del libro, rendendo possibile la realizzazione dell'antico sogno di una biblioteca universale capace di contenere l'intero patrimonio scritto dell'umanità.
22,00

Il mito della relazione

editore: Castelvecchi

pagine: 221

Tre grandi nomi della cultura, ebraica (Lévinas), cattolica (Marcel), e riformata (LaCocque), rendono omaggio a Martin Buber, figura prestigiosa dell'intellettualità del Novecento. Non si tratta di interventi d'occasione, ma di intrecci di pensiero tra uomini che si conoscono personalmente. I testi, presentati insieme per la prima volta, documentano un incontro fatto di consensi, dissensi, importanti rivisitazioni. Ora prevale la riflessione a più voci, ora la testimonianza e la discussione, ora il dialogo interculturale e la questione della radice ebraica del cristianesimo. Mentre la prima parte del libro presenta il Colloquio su Buber del 1966 e gli scambi diretti tra Buber, Marcel e Lévinas, la seconda parte mette a fuoco il tramonto del mito della relazione e il dibattito sulla responsabilità verso l'Altro.
22,00

«Orlando furioso» di Ludovico Ariosto

di Italo Calvino

editore: Mondadori

pagine: 372

Un grande narratore e saggista del Novecento ci introduce al mondo poetico di uno dei più geniali e fantasiosi autori della no
14,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.