Il tuo browser non supporta JavaScript!

EGA-Edizioni Gruppo Abele: I ricci

Mi dispiace, suo figlio è autistico

di Gabriella La Rovere

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 160

"È arrivato il momento di cominciare a considerare l'umanità come una polifonia di voci e strumenti differenti che, nonostante
14,00

Lo sport tradito. 37 storie in cui non ha vinto il migliore

di Daniele Poto

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 208

Vicende note e sconosciute, storie di sport, gare e traguardi in cui non sono stati i migliori a vincere
14,00

Riace, una storia italiana

di Chiara Sasso

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 192

Riace e il suo sindaco, Domenico Lucano, sono un tutt'uno
12,00

Cassandra muta. Intellettuali e potere nell'Italia senza verità

di Tomaso Montanari

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 128

Quando Cassandra parla, dice la verità: ma è giudicata un intralcio, una "sacerdotessa del no"
12,00

Guai ai poveri. La faccia triste dell'America

di Elisabetta Grande

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 176

La povertà estrema è negli Stati Uniti parte integrante della fisionomia della società e addirittura del paesaggio urbano. Mentre ciò comincia a radicarsi anche in Italia è utile osservare come il fenomeno è governato in quella società, che da tempo anticipa i nostri modi di pensare, di vivere, di organizzarci. Su questo aspetto indaga il libro, descrivendo una realtà sconvolgente nella quale il diritto non si accontenta di contribuire alla creazione del povero ma gli si accanisce contro e lo colpisce attraverso lo strumento penale, trattandolo sempre più come un nemico da sconfiggere.
14,00

Cittadini senza politica. Politica senza cittadini

di Valentina Pazé

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 160

Gli elettori disertano le urne, i partiti si svuotano di iscritti e di militanti, la fiducia nelle istituzioni è ai minimi termini. E i conflitti, le tensioni, le proteste vengono sempre più disattesi e trasformati in problemi di ordine pubblico. In sintesi, i cittadini sono senza politica. In parallelo, la politica sembra non avere bisogno dei cittadini e risponde alla loro disaffezione con leggi elettorali che regalano seggi al primo partito (in modo che chi è minoranza nel Paese si tramuti in maggioranza nelle istituzioni) e con "riforme" decise da una ristretta oligarchia politico-economicofinanziaria spesso sovranazionale. Ciò pone una domanda di fondo: siamo alla fine della democrazia rappresentativa, fondata su un rapporto di osmosi tra i cittadini e i loro rappresentanti? Trattandosi di un'invenzione tutto sommato recente, con meno di un secolo di rodaggio alle spalle (se si tiene conto del ritardo con cui è stato esteso il diritto di voto alle donne), la risposta è prematura. Ma certo, in questo momento non ci sono molte ragioni per essere ottimisti. La possibilità di una ripresa, o di un nuovo inizio, dipenderà dal fatto che le strade dei cittadini e quelle della politica tornino, in qualche modo, a incontrarsi.
13,00

Falsi di stampa. Eternit, Telekom Serbia, Stamina

di Gaino Alberto

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 192

A invocare la libertà di stampa e a denunciarne la mancanza è sempre più, nel nostro Paese, chi quella stampa pesantemente con
14,00

Dizionario enciclopedico di mafie e antimafia

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 536

La lotta alle mafie non può essere delegata a forze dell'ordine e magistratura, ma richiede il coinvolgimento di ogni cittadino. Questo dizionario, che raccoglie il contributo di 60 esperti per la compilazione di oltre 100 voci, vuole essere strumento non solo di conoscenza, ma di reale contrasto a un cancro che con il suo capitale di violenza e di ricchezza smisurata sta compromettendo - tanto più in questa drammatica fase di recessione - la tenuta del nostro sistema democratico.
26,00

Bluff economy. Chi ha giocato d'azzardo con il futuro, chi ha scoperto le carte

di Francesco Maggio

editore: EGA-Edizioni Gruppo Abele

pagine: 184

"Ai costruttori del bene comune". Sono le parole con cui l'autore apre il suo nuovo libro, nel quale racconta la "lunga notte" dell'economia mondiale. Come e perché è accaduto che, da oltre quattro anni, l'economia mondiale sia caratterizzata da tensioni sociali, bolle borsistiche, mercati impazziti, disuguaglianze stridenti, disoccupazione galoppante che stanno bruciando il futuro di intere generazioni? La sua risposta è semplice: "perché il sistema economico su scala mondiale, con tutte le sue ripercussioni, è un bluff". Diversi i modi di speculare, ma l'esito è stato il frutto di un sistema unico che ha giocato d'azzardo con i soldi (e il futuro) di tutti noi. Ma, andando oltre al catastrofismo imperante, è possibile pensare a soluzioni alternative, che riaccendano la luce in fondo a questo tunnel...
12,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.