Il tuo browser non supporta JavaScript!

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
titolo L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
autore
argomenti Filosofia
editore Bompiani
formato Libro
pagine 384
ISBN 9788845294013
 
€ 25,00
PRENOTA ONLINE E RITIRA IN LIBRERIA
Questo breve ma denso saggio di estetica rispecchia la svolta materialistica nella concezione dell'arte di Walter Benjamin, stimolata dalla conoscenza della regista armena Asja Lacis e di Bertold Brecht, e insieme segnata dall'esperienza del fascismo e dell'esilio. In una costruzione storico-filosofica piuttosto libera quanto perspicua, Benjamin concepisce le tecniche moderne di riproduzione come una distruzione del tradizionale valore cultuale-sacrale dell'opera d'arte, nella cui aura, intesa come l'"apparizione unica di una lontananza, per quanto vicina possa essere", si manifestano forme di esperienza teologica e mistica "inutilizzabili" nella lotta contro il fascismo. È specialmente il cinema a produrre una ricezione estetica collettiva del tutto diversa rispetto al passato. Nel complesso, la riproducibilità tecnica marca la dipendenza ormai totale dell'arte dalla politica.

Newsletter

Pinterest